Come aprire un blog di moda: cose da fare e cose da evitare

0 Flares 0 Flares ×

come-aprire-un-blog-di-moda

Diventare fashion blogger e aprire un blog di moda è diventato ormai il sogno di quasi tutte le ragazzine. Aleggia ormai il mito di Chiara Ferragni, che dal suo blog The Blonde Salad aperto nel lontano 2009, è diventata un vero e proprio guru dello stile e un brand di moda, caso di studio anche della Harvard Business School.

Da quando Instagram è diventato il social network più gettonato per far mostra di sé e del proprio stile, molte ragazze (e non solo) pensano che basti scattarsi delle foto ad ogni cambio abito per mostrare il proprio corpo ed il proprio “outfit” per diventare fashion blogger.

Allo stesso modo, anche avere uno spazio sul web (ne esistono di gratuiti con Blogspot e WordPress) non basta per diventare una blogger di moda.

C’è chi vuole aprire un blog di moda perché aspira a diventare una modella e spera di ottenere visibilità con il web, chi invece per avere vestiti a costo zero, altre ancora perché vogliono accedere alle sfilate, ci sono poi le appassionate di moda che sperano in questo modo di farsi notare per poter poi collaborare con testate più grandi e prestigiose e chi invece lo fa solo per hobby.

Qualunque sia la motivazione che ti spinga ad aprire un blog di moda, scattarsi delle foto davanti allo specchio e avere un profilo Instagram molto seguito non basta, così come non basta caricare foto dei proprio outfit a caso su uno spazio web gratuito, se non c’è una strategia (e buon gusto) alla base.

Bisogna metterci non solo la faccia, ma anche la propria “anima”, la propria “storia”, diventare un brand di se stessi riconoscibile all’esterno e tanto tanto lavoro.

Il termine fashion blogger spesso viene disprezzato perché associato alla ragazzina 15enne che si scatta selfie davanti allo specchio e che stenta a scrivere in italiano. Ma ci sono tante fashion blogger in gamba e molto seguite che riescono a vivere di solo blogging stipulando collaborazioni con brand prestigiosi e che sono riuscite a seguire la scia di Chiara Ferragni, creando però una propria personalità. Basti pensare a Irene Colzi, Laura Comolli, Martina Corradetti, giusto per citarne alcune.

Ma perché le fashion blogger funzionano?

I contenuti generati da una blogger hanno un valore altissimo per un’azienda, in quanto sono contenuti prodotti da una persona reale, la cosiddetta ragazza della porta accanto, che ha testato personalmente il prodotto e sono quindi percepiti dagli altri utenti come affidabili e credibili, a differenza degli spot pubblicitari o delle pagine pubblicitarie sui giornali, ai quali siamo ormai tutti assuefatti, ottenendo una grande efficacia comunicativa.

La fashion blogger interpreta il modo di vestire quotidiano delle persone comuni distaccandosi da quello delle modelle semi-anoressiche dei giornali, alle quali è invece difficile identificarsi, diventando delle vere e proprie icone di moda da seguire ed emulare, le cosiddette “influencer” che ormai dettano moda molto più delle stesse star televisive.

Ma come si fa ad aprire un blog di moda?

Innanzitutto devi avere le idee chiare su cosa vuoi andare a scrivere e che stile vuoi adottare. Successivamente devi scegliere un nome dominio, che sia quanto più attinente possibile con l’argomento che andrai a trattare e facilmente riconoscibile, cercando di evitare nomi troppo lunghi e complessi. Una volta deciso il nome e l’argomento del blog, devi scegliere la piattaforma su cui aprirlo (la migliore è WordPress), creare un piano editoriale e stabilire cosa pubblicare e quando. Perché se vuoi aprire un blog di moda e iniziare a collaborare con le aziende, non puoi pensare di gestirlo solo quando hai tempo, ma devi seguire una strategia ben precisa e avere costanza nella pubblicazione.

La costanza è alla base di tutto. Non puoi pensare di aprire un blog e pubblicare in una settimana 10 articoli e la settimana successiva zero. Piuttosto, quando hai tempo, pianificali e spalmali nel corso del mese in giorni e orari stabiliti. Se ad esempio sei solito pubblicare il lunedì, ti consiglio di pubblicare sempre di lunedì perché i lettori aspetteranno il tuo articolo.

La vita del blogger, diversamente da ciò che si pensa, non è semplice, partire da zero può essere frustrante soprattutto quando si prendono in considerazione le statistiche del proprio blog nella fase iniziale. Alla base di tutto, però, c’è la qualità dei contenuti e delle immagini in quanto, se parti da subito con contenuti di qualità, i risultati non tarderanno ad arrivare.

Subito dopo conta la qualità della piattaforma di blogging scelta e naturalmente la giusta connessione con i Social Network.

Se non scrivi contenuti di qualità ed originali, difficilmente riuscirai ad emergere, ma contenuti di qualità sulla piattaforma sbagliata e senza un minimo di strategia SEO (Search Engine Optimization), ossia tutte quelle attività volte ad ottenere la migliore rilevazione, analisi e lettura del sito web da parte dei motori di ricerca attraverso i loro spider, possono tardare a far arrivare i risultati.

Motivo per cui è importante avere un’infarinatura generale anche delle tecniche del SEO Copywriting, senza però perdere la naturalezza dello storytelling.

Importantissime poi sono le immagini. Un’immagine vale più di mille parole e nel web è molto più importante del testo scritto. Le immagini, anche da sole, sono un ottimo strumento di storytelling, molto più del testo scritto, in quanto sono in grado di catturare l’attenzione delle persone e comunicare senza barriere linguistiche, essendo universali.

Spesso una bella foto aiuta a prestare attenzione e spingerci a leggere un articolo rispetto ad un altro, motivo per cui è molto importante selezionare con cura le foto che si utilizzano e pubblicano sia sul blog che sui social network, anche se poi le descrizioni aiutano a far capire meglio l’esperienza vissuta racchiusa in quella determinata immagine ed il brand che stai indossando. Pensa che persino negli e-commerce il 67% dei consumatori dice che la qualità dell’immagine di un prodotto è “molto importante” nella propria scelta d’acquisto.

Assolutamente da non trascurare poi i social network. Scrivere per un blog, scattare fotografie, post-produrle e caricarle sul web è solo una parte del lavoro di un blogger. Da solo, non basta per avere un blog con un minimo di visibilità.

Per acquisire e fidelizzare i lettori, infatti, bisogna sicuramente pubblicare dei post belli ed accattivanti, ma occorre anche farli conoscere, diffonderli sui social network, altrimenti c’è il rischio di scrivere solo per se stessi o per pochi amici intimi.

I più importanti per una fashion blogger sono Instagram, Pinterest e Facebook, in quanto i primi due sono social basati principalmente sulle immagini mentre il terzo è il social più seguito in Italia. Ma è importate essere presenti anche su Google+, Twitter e Tumblr.

I social servono per creare la propria community di riferimento e portare traffico al blog. Affinché i tuoi articoli vengano condivisi e commentati, è consigliabile condividere e commentare gli articoli di altri blogger che segui, sperando che facciano lo stesso con te. In generale, è nella netiquette dei blogger ricambiare i commenti a blogger che hanno lasciato un commento o apprezzamento al tuo articolo o alla tua foto sui social network. Quindi, se vuoi aumentare la tua visibilità e farti conoscere, devi iniziare con il fare networking con altri blogger.

All’inizio ti sembrerà un po’ forzato, ma vedrai che, a lungo andare, diventerete “amici” virtuali e ti farà quasi piacere andare a leggere cosa abbia scritto il tuo “amico” blogger e lasciargli un commento, un apprezzamento o una domanda al suo articolo o foto.

Ciò non vuol dire che il tuo pubblico sono solo altri blogger, ma sono scuramente i primi lettori del tuo blog. Solo successivamente inizierà a crescere la tua community raggiungendo un pubblico più vasto.

Se sei intenzionato ad aprire un blog di moda che funzioni, ti consiglio di approfondire queste tematiche sul mio “Manuale per aspiranti blogger: crea emozioni con lo storytelling”. Capitolo dopo capitolo, ti guiderò passo passo nella creazione di un blog di moda che funzioni. Trovi in link in alto e qui di seguito. Buona lettura!

Anna Pernice

Marketing & Communication manager, blogger, giornalista e Digital PR. Appassionata di moda, viaggi e nutrizione sono sempre alla ricerca delle ultime tendenze che racconto con senso critico nel mio blog.

Libri scritti da Anna Pernice

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×
2 Commenti
  1. sara 1 anno fa
    • Redazione 1 anno fa

Replica

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati saranno trattati per consentire l'inserimento e la pubblicazione dei commenti e delle recensioni. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l'Informativa Privacy

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×