Il segreto della comunicazione etica

0 Flares 0 Flares ×

il-segreto-della-comunicazione-etica

È difficile dire quali sono le principali caratteristiche o, addirittura, svelare il segreto della comunicazione etica. Oggi ho deciso di provarci.

In questo ambizioso tentativo, faccio appello a una grande esperta di comunicazione etica: Mariagrazia Villa, che ha provato a rispondere (egregiamente) in un libro dal titolo “Il giornalista digitale è uno stinco di santo”, uno dei Web Book che più ho amato e che consiglio a tutti coloro che svolgono questo mestiere o, più in generale, orbitano nella vasta galassia della comunicazione online.

In realtà, tutti i comunicatori sono stinchi di santo se utilizzano la rete, ossia una miniera etica ricca di oro da cui attingere informazioni e trasformarle in notizie o contenuti.

Facciamo un piccolo passo indietro per comprendere bene un concetto e rispondere a questa domanda: quando è che si comunica in maniera corretta?

Quando siamo liberi di esprimere la nostra anima in accordo con le veridicità delle informazioni che vogliamo diffondere.

Non è il mezzo a incidere sulla eticità delle informazioni, è il modo, l’approccio.

Questo mestiere, quello del giornalismo, ha una storia radicata e continua ad essere importantissimo: fare il giornalista digitale era possibile ieri, lo è oggi e lo sarà in futuro, a patto – per l’appunto- di comunicare in modo davvero etico.

Un concetto, su tutti, mi affascina e mi incuriosisce e, peraltro, Mariagrazia torna molte volte sul tema: l’etica necessita di allenamento e, come in ogni buon allenamento occorrono costanza, perseveranza e grande dedizione.

I grandi sportivi, i campioni, lo sanno benissimo: per raggiungere risultati di livello è necessario impiegare grandi energie investite in allenamenti costanti e rigorosi.

Per essere etici online, bisogna esserlo offline.

L’obiettivo non è ritagliarci una duplice immagine dentro e fuori dal web, ma far si che ciò che diciamo e facciamo fuori sia coerente con quello che scriviamo e divulghiamo online.

Come possiamo allenarci, dunque?

Ad esempio, potremmo porci un obiettivo etico in relazione a una nostra abitudine. C’è una cosa che ci costa un po’ fatica?

Lanciamo una sfida a noi stessi: cerchiamo di farla al meglio ed entro un limite temporale. Poi, se riusciamo a farla, proviamo a segnare i nostri progressi su un’agenda o una scheda (come quella che usiamo in palestra!).

Perché è necessario allenarsi?

Perché l’etica è più figlia dell’esperienza che della conoscenza.

Bisogna evitare di essere etici solo a principi, parole e idee: bisogna permeare la vita di azioni e intenti etici, a patto di crederci davvero, altrimenti risulterebbe un mero esercizio stilistico privo di consistenza.

Bisognerebbe sganciarsi dall’esigenza di rincorrere il “real time”: l’ossessione di arrivare primi nel dare una certa notizia, potrebbe agire a discapito di una corretta ed etica informazione.

Il giusto equilibrio tra tempismo e verifica delle fonti, è sicuramente meritevole di attenzione molto più di una notizia che non si basa su delle fonti verificate, quindi o una fake news o una “notizia spazzatura”.

Non ha senso rincorrere il tempo se poi non si condividono notizie vere e fondate, riconducibili a fatti esistenti e accertati.

Abraham Abe Rosenthal disse: “Il nostro ruolo è far si che altri non abusino del potere”. Nel fare questa affermazione, si rivolgeva prima di tutto e in particolar modo proprio alla categoria dei giornalisti e in generale a chi lavora nella comunicazione.

Le parole sono armi potenti e spesso spostano l’opinione pubblica, ciò è particolarmente evidente anche nell’ambito della comunicazione politica, dove leader dei partiti e influencer parlano alle masse con tweet e post sui social.

Nel raggiungere questo intento o nel tendervi, io credo, che il massimo livello della comunicazione etica possa dirsi raggiunto: riconoscere un grande potere, quello delle parole, e non usarlo mai per un tornaconto personale o per danneggiare l’altro.

E tu, cosa ne pensi?

Quand’è che, secondo te, la comunicazione è davvero etica? Lascia un commento e continua a seguirci su Facebook!

 

Alessandra Litrico

Responsabile comunicazione e social media Dario Flaccovio Editore

Nessun libro disponibile.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Replica

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati saranno trattati per consentire l'inserimento e la pubblicazione dei commenti e delle recensioni. Prima di lasciare il tuo commento, leggi l'Informativa Privacy

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×