Il Social Selling spiegato a mia figlia

0 Flares 0 Flares ×

il-social-selling-spiegato

In questo divertente articolo, Leonardo Bellini ci parla di Social Selling nell’ambito di un confidenziale botta e risposta con sua figlia che intervista per bene il papà, autore di “Social Selling: strategie e tattiche per vendere di più con i social network”.

“Babbo, mi spiegheresti di cosa tratta il tuo ultimo libro? Cosa significa social selling?

È un modo complementare per fare leva sulla relazione personale che puoi instaurare con una persona sui social network, in primis LinkedIn e Twitter, per essere più efficace nel processo di vendita.

“Perché si può vendere senza essere “social”?

Vedi cara, la vendita è stata per millenni basata sulla relazione, sulla interazione umana, ina una parola: “sociale”. Il rapporto che si costruisce nel tempo tra venditore e compratore e che si rafforza negli anni si basa sulla fiducia e sul rispetto reciproco, altrimenti è una vendita improvvisata, mordi e fuggi, che non capitalizza la relazione e che non porta molto lontano. Per secoli la vendita è stata così, poi…

“Poi? Cosa è successo poi, racconta babbo”

È successo che è arrivata la pubblicità, i mezzi di comunicazione di massa che hanno permesso di raggiungere e stimolare la fantasia e la curiosità di milioni di persone, la stampa, la radio e la televisione e si è creduto che martellare il consumatore avrebbe portato a persuaderli a comprare proprio quel prodotto, anzi che non avrebbero potuto farne a meno.

Allo stesso modo con cui è andata in crisi la pubblicità di massa, si stanno dimostrando sempre meno efficaci le tradizionali tecniche di vendita tradizionali, come le telefonate a freddo e l’invio massivo di email.

“Cosa significa Babbo telefonata a freddo?”

Significa telefonare a uno sconosciuto, a un direttore commerciale ma anche una casalinga o un’insegnante, per proporle di comprare un prodotto o un servizio che non hanno richiesto, a cui molto probabilmente non sono interessati.”

“Ma questo succede ancora adesso babbo”

Sì ma sempre con minore efficacia e risultati, soprattutto da quando le persone sono in grado di acquisire informazioni, leggere il parere di esperti online, scambiarsi pareri su esperienze di acquisto, in una parola influenzarsi a vicenda, grazie soprattutto ai social network.

“Certo che si sono i social network, babbo, io non ricordo un mondo precedente perché non c’ero”

Ricordati, le persone comprano da persone e comprano da persone con cui si è creata una relazione basata sulla fiducia. Grazie ai social network un venditore “social” può costruire la propria reputazione e guadagnare la fiducia dei suoi futuri clienti, in base a ciò che scrive, a come si mostra disponibile ad aiutare gli altri, a come riesce a dare risposte utili che permettono ai suoi contatti sui social di risolvere un problema, di trovare a una soluzione”

 “Vuoi dire che il segreto del social selling è semplicemente comportarsi bene e dimostrare competenza, altruismo e disponibilità verso gli altri sui social network?”

In un certo senso sì ma non basta. Le aziende hanno bisogno di ripensare i propri processi di vendita, di cambiare mentalità, di dotarsi di competenze, risorse e strumenti per poter monitorare e gestire il lavoro di squadra del team per misurare i risultati. Devono per esempio comprendere il nuovo ruolo del marketing e delle vendite.

“In che senso Babbo? Spiegati meglio”

Hai presente come funziona un ristorante? Ci sono i cuochi in cucina che preparano il cibo, su ordinazione dei camerieri che accolgono gli ospiti, i client e che raccolgono le comande. Alla base del successo di un ristorante c’è la condivisione di intenti e la suddivisione dei compiti.

Se trasportiamo questa scenetta nel mondo del social selling, i cuochi sono le persone di marketing che devono trovare i contenuti e cucinare i piatti che prediligono i nostri clienti, mentre i camerieri e il caposala dovranno occuparsi della distribuzione e della promozione sul mercato di tali contenuti per diventare in tal modo autorevoli e preziosi per i suggerimenti che potranno dispensare sul piatto migliore ai clienti in sala.

“Ho capito babbo, la metafora della cucina e del ristorante mi piace. Non esiste un cuoco se non c’è un commensale, ora andiamo in cucina e dividiamoci i ruoli: tu cucini e io mangio”

Se anche tu vuoi scoprire di più sul social selling e costruire relazioni di fiducia con i tuoi clienti, non ti resta che sfogliare online l’anteprima del libro di Leonardo Bellini “Social Selling: strategie e tattiche per vendere di più con i social network” e reperirlo in libreria!

Non dimenticare di cliccare “mi piace” sulla nostra pagina Facebook Dario Flaccovio Web & Business e …buon social selling!

 

Leonardo Bellini

Digital Marketing & Social Business Advisor, si occupa di marketing digitale. Fondatore di DML, società di consulenza e servizi digitali, ha creato Social Minds, progetto di ricerca sull’utilizzo dei social media. Blogger con Digitalmarketinglab.it, nel 2015 ha aperto linkedinforbusiness.it.

Ultimi articoli di Leonardo Bellini (vedi tutti)

Libri scritti da Leonardo Bellini

0 Flares Google+ 0 Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×

Replica

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I dati saranno trattati come da Informativa Privacy

0 Flares Google+ 0 Twitter 0 Facebook 0 LinkedIn 0 0 Flares ×